Bon Ton durante una giornata di lavoro: 4^ cronaca – al ristorante di sera con clienti e partner- (4 di 4)

Fine della giornata lavorativa, con una cena al ristorante. Ultima delle 4 cronache sulla giornata all’insegna delle buone maniere.

Uscite a cena con clienti e Vostra moglie (potremmo anche dire con Vostro marito o fidanzato o fidanzata. Per semplificare e scrivere solo una storia, poniamo di avere questa situazione: 1 uomo che invita, Sua moglie, 1 cliente donna, il fidanzato della donna cliente, 1 collaboratore dell’uomo ed una collaboratrice della cliente).

Chi invita: sei Tu ad avere invitato, a parte Vostra moglie e il Vostro collaboratore, una cliente con il partner ed una collaboratrice. Siete quindi in 6. Hai prenotato un ristorante per le ore 20:00.
Prime considerazioni da fare:

– Qual è lo scopo della cena?
– Che tipo di ristorante scegliete e perché?
– Siete in sei, Vi conoscete tutti o no?
– Hai un budget?
– Sai se tra Voi sei c’è qualcuno con intolleranze o allergie alimentari?
– Come Ti vesti?
– Volete parlare in pace?

Queste considerazioni sono importanti per cercare di evitare errori o gaffes in partenza. Informatevi dei gusti degli ospiti e di eventuali intolleranze. Decidete se è più opportuno un ristorante “chic” oppure uno più alla mano, magari con più fascino. Quando prenotate, direte che pagate Voi e che gradirete pagare il conto con discrezione e non al tavolo, a fine cena. Nulla di più volgare che fare notare quanto si è speso, soprattutto se si spende molto, agli ospiti.

Entrata al ristorante:

Entri Tu, uomo, per vedere se all’interno è tutto a posto. Tieni aperta la porta per fare entrare gli altri. Aiuti le signore a togliersi il cappotto (non lo dovrebbe fare il cameriere) che poi consegnerai al personale per farlo appendere in guardaroba.

A tavola:

Pensa, partendo sia dallo scopo della cena che tenendo a mente le regole del galateo, come farai sedere gli ospiti e Te stesso.

Placement (chi si siede dove):

  • Chi siede a capotavola (da lì si parte)?
  • Chi sta alla destra e chi alla sinistra del capotavola?
  • Tua moglie si siede vicino a Te? No. Ricorda che marito e moglie non vanno posizionati vicini.

Il Menu:

  • Aiuta gli ospiti a decidere dando consigli, proponi un antipasto e un secondo. Piu elegante è comunque dare consigli ma “permettere” agli ospiti di prendere ciò che desiderano. Se ritieni di non poter spendere troppo (budget) non scegliere un ristorante troppo caro.
  • Se Te ne intendi di vini ed alcuni ospiti desiderano bere, scegli quel che è giusto con le pietanze che hanno scelto gli ospiti. Se non Te ne intendi, non fare finta. O chiedi, se non lo sai già, ad uno degli ospiti di scegliere, o chiedi al maître od al cameriere di consigliarTi.
  • In alcuni ristoranti eleganti esistono i menu senza prezzo per le signore o per gli ospiti. Evitare comunque sempre di parlare di soldi e prezzi.

Mangiare e conversare:

  • Non volendo offendere nessuno, badate che facilmente può capitare a chi ha fretta di comunicare, di parlare con la bocca piena. Una cosa orrenda. Fateci caso. Prendetevi il tempo necessario prima di parlare. Mi scuso con i tantissimi che ritengono questo consiglio una banalità. Vi assicuro che nella mia vita lavorativa ho incontrato tantissime persone, che pur essendo personaggi in carriera ed importanti, mangiavano come … lasciamo perdere.
  • Se vi siete informati sugli interessi dei Vostri ospiti e siete anche solo parzialmente competenti in materia, parlerete delle cose che fanno piacere a loro. Niente soliloqui e conferenze autocelebrative.
  • Argomenti da evitare se non si conoscono benissimo gli ospiti: politica, religione, sesso.
  • Si può andare in bagno? Si. Non si fano grandi annunci. Si dice: scusatemi, torno subito, ci si alza mettendo il tovagliolo in ordine (ne piegato con cura ne buttato a casaccio) e ci si alza senza commentare ulteriormente.
  • Se c’è l’intendimento di parlare di lavoro, ciò andrà fatto dopo la prima portata, e comunque con discrezione e senza annoiare la propria moglie e il fidanzato della signora cliente. Se ci sono decisioni importanti da prendere, non è questa cena la situazione adatta. Ciò va fatto solo in ambito lavorativo o, volendo durante una cena di lavoro, ma senza i partner.

Il Conto:

Come accennato sopra, la cosa più elegante è alzarsi un attimo a fine pasto ed andare a pagare lontano dal tavolo. Lasciate, se siete stati serviti bene, una mancia non esagerata (ma neanche micragnosa) al cameriere/alla cameriera che Vi ha servito, non al padrone/alla padrona del ristorante.

CONDIVIDI SU

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp